BERESHIT 5780: 3 SPLENDIDE LEZIONI!

Inizia con Bereshit Gen 1 – 6, 8  lo studio del ciclo annuale di Parashot che leggeremo questo SHABBAT 26 Ottobre 2019 – 27 TISHRÌ 5780

HAFTARÀ:

Italiani: Is. 42: 1-21 Milano/Torino/Sefarditi: Is. 42: 5-21

Ashkenaziti: Is. 42: 5-43: 10

Pochi paesi al mondo possono vantare un numero di premi Nobel in proporzione al ridotto numero di abitanti.
Infatti Israele, che ne ha solo qualche milione vanta un elevato numero di premi nobel (senza includere il numero di premi vinti da ebrei nel mondo): tre per la pace, tre per la chimica, due per l’economia, uno per la letteratura…
Come dice lo Zohar questo è un mondo falso: ALMA DESHIKRA.
Per un mondo fasullo dove l’antisemitismo è sempre dietro l’angolo è difficile conferire un premio nobel a un ebreo e per di più israeliano.
Da diversi anni Israele regala al mondo grandi rivelazioni nel campo della chimica con un valore aggiunto rilevante e per questo che dal 2004 solo Israele ha avuto ben 6 premi nobel sulla chimica (senza citare gli altri campi) cosa che quasi nessun altro stato può eguagliare un primato così alto in un SOLO settore.
In ordine dall’ultimo Arieh Warshel, Chimica 2013. Michael Levitt, Chimica 2013. Dan Shechtman, Chimica 2011. Ada Yonath, Chimica 2009. Aaron Ciechanover, Chimica 2004. Avram Hershko, Chimica 2004.
Vi sono buone ragioni per essere fieri, il Nobel equivale a un riconoscimento internazionale per l’intera comunità scientifica israeliana. Nel momento in cui i riflettori vengono puntati sul sapere israeliano, abbiamo l’opportunità di mostrare al mondo le nostre vere ricchezze, una grande potenza non di terre, né di ferro, ma di cervelli. Si tratta di una grande prerogativa della nostra nazione, una prerogativa importante ed essenziale.
Negli ultimi anni in compenso 3 ebrei hanno ricevuto il premio ma non essendo israeliani è meno evidente l’impronta ebraica: J. Michael Kosterlitz (fisica), Oliver Hart (economia) and Bob Dylan (letteratura).
Come è scritto nella nostra santa Torà che iniziamo a leggere questo Shabbat e tutti siamo invitati ogni Shabbat a seguirla:
Studierete la mia Torà e metterete in pratica i suoi precetti perché Essa è la vostra saggezza e la vostra sapienza davanti ai popoli (Devarìm 4,6).

Ti riporto i link delle lezioni on line su virtualyeshiva.it della parashà di questa settimana.

Shabbat Shalom

Rav Shlomo Bekhor

Virtual Yeshiva
se il talmid non va dal rabbi, il rabbi va dal talmid!

500 Shiurim online divisi per argomenti.
Non perdere l’appuntamento con la parash・ mistica e psicologia nella Tora
Per informazioni: www.virtualyeshiva.it
BERESHIT
Al seguente link troverai la lezione della Parashà di questa settimana in formato mp3:
http://www.virtualyeshiva.it/2009/10/15/bereshit-5770-non-e-bene-per-luomo-essere-solo-evviva-le-donne/
Al seguente link potrai scaricare la lezione della Parashà di questa settimana sul tuo mobile:
http://www.virtualyeshiva.it/files/09_10_15_bereshit5770_creazione_uomo_donna_matrimonio.mp3

NON È BENE PER L’UOMO ESSERE SOLO:
EVVIVA LE DONNE!

Quattro spiegazioni sulla controversa espressione riferita alla donna: “un aiuto CONTRO di lui”
Alcuni punti della lezione:
1. Perché l’uomo viene creato senza la donna a differenza degli animali che vengono creati sin dall’inizio con la femmina. Per farci capire in maniera chiara che l’uomo da solo non può vivere, mentre gli animali non hanno questi dubbi, solo l’uomo può sbagliare.
2. Spiegazione Rashì, aiuto contro di lui.
3. Spiegazione Naziv, se lo aiuta è contro di lui, se polemizza lo aiuta
4. Piacere della luce solo nel buio, creazione dell’uomo per illuminare il buio come i due nomi di Ha-Shèm.
—–
Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perché la Torà sia accessibile a TUTTI e SEMPRE.
Se ascolti le lezioni aiuta a mantenere viva questa grande opera di divulgazione di Torà.
Aiutando Virtual Yeshiva diventi soci nella diffusione della Torà ed è un segno di riconoscenza per chi insegna e così potremo diffondere insieme molti più valori di vita e insegnamenti.
Le donazioni sono deducibili dalla “decima”.
Per saperne di più si può scrivermi una mail o collegarsi al seguente link:

Per ascoltare le altre lezioni sulla Parashà cliccare al seguente link:
http://www.virtualyeshiva.it/category/parashot/bereshit/bereshit-2/

MOGLIE = SPECCHIO
Questa settimana appena dopo aver celebrato, durante Simchàt Torà, il completamento del ciclo annuale della Torà e l’inizio di quello nuovo, leggiamo la prima porzione della Genesi, Bereshìt, che racconta la creazione dell’universo e la vita del primo uomo, Adamo, della prima donna Eva e dei loro discendenti. Come per tutte le Scritture, ogni elemento della Torà reca un numero infinito di interpretazioni complementari con vari livelli di profondità. Quindi, anche dal versetto della Genesi che narra della volontà di Dio di creare Eva, Chava la prima donna, possiamo ricavare alcuni insegnamenti molto profondi e utili, anche per le nostre vite quotidiane.
“Disse Hashèm il Dio: non è bene che l’uomo sia solo; (quindi) gli farò un aiuto di fronte a lui” (Genesi 2,18). Questo versetto, se interpretato misticamente, ha come riferimento i nomi divini “Havaye” – Hashèm (il Tetragramma) e “Elokim” – Dio e i loro rispettivi ruoli nella creazione dell’universo.
Per spiegare meglio le profonde implicazioni di questa “coincidenza” sul perché sono presenti ben due diversi Nomi di Dio in questo versetto della Genesi ci viene in soccorso un Salmo di Davide (84,12), dove è scritto che “Hashèm Elokim (Dio) è un SOLE e uno SCUDO …”.
Anche qui, non a caso, troviamo i due principali Nomi di Dio come nel precedente versetto della Genesi. Tuttavia, nel Salmo troviamo qualche “indizio” ulteriore sulle caratteristiche di questi due Nomi: ossia Hashèm-Havaye è paragonato al SOLE, mentre il Nome Elokim, Dio a uno SCUDO. Apparentemente questa è una similitudine un po’ strana, forse addirittura azzardata! Oppure no?
Per capire meglio cerchiamo di vedere più in profondità il paragone Hashèm/Sole.
Sebbene Hashèm nella sua essenza sia per definizione senza nome e inconoscibile, i numerosi nomi ebraici che si riferiscono ai vari aspetti di Dio esprimono i modi in cui Lui si manifesta nella creazione (ad esempio, “Misericordioso”, “Onnipotente” ecc.). Il Tetragramma, Havaye, di solito si riferisce all’aspetto infinito senza alcuna immagine di Dio, la forza benevola non contratta o celata che deriva direttamente dall’essenza stessa di Dio. Tuttavia è ben noto, nella tradizione mistica ebraica, come questa energia creativa diretta e “senza filtri” che proviene da Dio stesso è così potente, così intensa, da precludere un mondo come quello che conosciamo. Questo è qualcosa di simile al modo in cui il sole stesso con la sua luce così brillante non farebbe altro che accecare la nostra percezione di tutto ciò che non è schermato o oscurato in qualche modo. Di fronte al sole, infatti non saremmo in grado di distinguere qualsiasi entità in questo mondo fisico, come ad esempio i mobili in una stanza se il sole stesso fosse proprio fuori dalla finestra, perché la nostra percezione sarebbe sopraffatta dalla sua immensa luce. Inoltre, se Dio avesse creato l’universo usando solo l’emanazione creativa rappresentata dal nome Havaye, noi non saremmo in grado di percepire le cose create come entità separate a se stesse, quindi, nella migliore delle ipotesi, tutto sarebbe una funzione della divinità, un diretto derivato di essa, senza che vi possa essere spazio per qualsiasi altra entità e senza dare la possibilità del libero arbitrio, la più grande qualità che l’essere umano ha in questo mondo. Per evitare che l’unica cosa che esiste sia una pressoché perfetta emanazione divina, Dio dovette proteggere parte di questa luce, allegoricamente parlando, nascondendola alla nostra percezione, affinché l’universo così come fosse stato creato, potesse essere creato.
Adesso si può comprendere meglio perché il Nome Elokim – Dio è paragonato a uno scudo nel Salmo. Perché è proprio con questo aspetto o attributo che Dio “nasconde”, restringendo e quindi trattenendo la sua infinita e immensa forza creativa, permettendo in questo modo alla creazione di esistere in maniera autonoma, anche se solo in apparenza. Questo è ciò che si intende con il versetto sopra citato: Hashèm, Dio è un SOLE e uno SCUDO…”; l’energia creativa del nome Hashèm-Havaye è travolgente come il sole, mentre il nome Elokim-Dio protegge la nostra percezione in modo che possiamo esistere da soli (o meglio affinché possiamo avere la sensazione di esistere in modo autonomo).
Ora è possibile ritornare al versetto della Genesi sulla creazione: “.. non è bene che l’uomo sia solo; (quindi) gli farò un aiuto di fronte a lui”. La presenza Divina è paragonata a uno specchio come nel versetto (Numeri 12, 6): “(Io) il Signore mi farò conoscere.. in una visione”. Dove il femminile in ebraico della parola “visione” marè significa “speculare”.
In definitiva, qui la Torà ci sta dicendo che per conoscere bene Dio e quindi anche noi stessi, come esseri umani dobbiamo avere uno SPECCHIO/contro/di fronte che riflettendo la luce ci permette di vedere anche il retro di noi stessi, la parte celata e nascosta delle nostre personalità e del mondo in generale. Proprio come uno specchio che bloccando il passaggio della luce attraverso il vetro, per mezzo di un rivestimento d’argento, serve ad aumentare il campo visivo personale, poiché la luce si riflette sullo specchio e permette di vedere anche ciò che c’è dietro. Così anche il nome Elokim-Dio, lo SCUDO, bloccando e proteggendoci dalla luce accecante del nome Havaye-Hashèm, SOLE consente sia al piano divino di essere realizzato, in un modo che altrimenti non sarebbe stato possibile; sia di vedere noi stessi e il mondo che ci circonda da una prospettiva più completa.
Questo è uno dei motivi per cui Hashèm-Dio ha creato al primo uomo Adam una compagna, Eva: “un aiuto contro di lui”; ossia un aiuto che è davanti a lui come uno specchio in modo che posso guardarsi dentro e riflettere sulla sua esistenza.
Questo permette all’uomo di raggiungere una completezza e perfezione maggiore proprio mettendolo in condizione attraverso il matrimonio di vedere parti di se stesso e del mondo che altrimenti non sarebbe stato possibile vedere, scoprire e rettificare.
Tutto al fine di migliorare noi stessi e il mondo che ci circonda rivelando, grazie anche ai nostri sforzi, la presenza divina nel mondo per rivelare la tanto attesa e imminente era messianica, presto ai nostri giorni AMEN.


Tra gli argomenti trattati nella parashat c’è il comando Divino che Adam non mangi dall’Albero della Conoscenza.

Il Midrash ci racconta che il comando di non mangiare dall’albero proibito fu ordinato ad Adam il primo venerdì, dopo mezzogiorno alla nona ora del giorno, e il comando era valido solo fino all’entrata di Shabbat. Ciò significa che la proibizione di mangiare dall’Albero della Conoscenza era limitata a tre ore.

Nonostante ciò, il primo uomo non riuscì a resistere e peccò mangiando dall’Albero proibito. Ora è spontaneo porre la seguente domanda: come e’ possibile che Adam harishon, creato a immagine Divina, non sia riuscito a dominare su se stesso e a resistere alla tentazione di mangiare dall’Albero della Conoscenza per sole tre ore??
La risposta è: lo scopo dello ietzer harà è quello di provocare che si faccia il contrario della Volonta’ di Ha-shem – impedire all’ebreo di adempiere alle mitzvot e allontanarlo da esse – perciò, secondo l’importanza della mitzvà e secondo l’importanza di colui che la esegue, gli sforzi dello ietzer harà prevalgono per impedire l’adempimento alla mitzvà.
Ognuno di noi lo puo’ sperimentare su se stesso: c’è una mitzvà che per noi è molto facile, ma nonostante ciò lo ietzer harà ci disturba nel farla, forse perché questa mitzvà in particolare è molto importante per la neshamà di quell’ebreo e per questo lo ietzer harà fa grandi sforzi per impedire all’ebreo di fare quella mitzvà.

E’ stato così anche per Adam harishon: è vero che il comando di non mangiare dall’Albero proibito era molto semplice da eseguire, ma proprio per la grandezza della sua importanza, lo ietzer harà si sforzò molto per far peccare Adam.
Dalla storia dell’Albero della Conoscenza impariamo che un ebreo non può dire: “Questa mitzvà è molto severa, allora la osservo con cura” oppure “Questa mitzvà è più facile, allora la osservo con leggerezza“; a volte, invece, una mitzvà ci puo’ sembrare facile ma in realtà è molto importante per noi e quindi richiede più impegno da parte nostra.

Le lezione precedenti su Bereshit:

BERESHIT 5772 – CREAZIONE DEL MONDO=PARTITA DI CALCIO
http://www.virtualyeshiva.it/2011/10/25/bereshit-5772-creazione-del-mondopartita-di-calcio/

BERESHIT 5770 – NON E’ BENE PER L’UOMO ESSERE SOLO: EVVIVA LE DONNE!
http://www.virtualyeshiva.it/2009/10/15/bereshit-5770-non-e-bene-per-luomo-essere-solo-evviva-le-donne/

BERESHIT 5769 -VEGETERIANO NELLA TORA’
http://www.virtualyeshiva.it/2008/10/23/bereshit-5768-vegeteriano-nella-tora/

Questa voce è stata pubblicata in Bereshit. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *