METZORA HAGADOL 5779 – IL CONTRASTO CHE ANNULLA LA RECESSIONE

B’H’ Questo Shabbat Metzorà / haGadol leggeremo la Parashà di Metzorà: Lev 14:1 – 15:33

e l’Haftarà haGadol: Mal. 3:4-23

 SHABBAT HAGADOL; i primogeniti egiziani, i capi dell’Egitto, alla corte del Faraone chiedono di lasciare andare immediatamente gli ebrei, davanti al Faraone impassibile succede il putiferio, guardie egiziane contro altre guardie egiziane, egiziani contro egiziani, i capi degli egiziani che combattono all’ultimo sangue contro i loro fratelli, i nostri nemici che si sterminano da soli. È stato un grande miracolo, e questo Shabbat si chiama Shabbat HaGadol riferendosi appunto a questo grande miracolo.

Questo Shabbat si chiama SHABBAT HAGADOL. Essendo molto importante si chiama gadol. Ci sono diversi motivi per questo nome ma il principale è che Shabbat prima di Pesakh è molto grande la drasha per imparare le regole di come bisonga fare tutte le regole di Pesakh.
Si chiama Shabbat Hagadol anche per un’altra ragione: perché è successo un grande miracolo. Gli egiziani primogeniti hanno fatto una guerra civile contro gli altri egiziani perché temevono di lasciare la pelle quando hanno scoperto che tutti i primogeniti sarebbero morti.
Questo è successo il 10 di Nissan che era Shabbat visto che sono usciti dall’egitto il 15 di Nissan che era Giovedì.
Per questo viene ricordato questo miracolo il Shabbat prima di Pessakh col nome Shabbat Hagadol perché è successo un grande miracolo “nes gadol”.
La grandezza di questo miracolo che mai nella storia è successo un caso simile che il nostro nemico si è trasformato in amico e ha combattuto a nostro favore.
Senza alcun intervento divino il nemico ha combattuto per noi. Questo è un grandissimo miracolo che non ha paragoni nella storia.
Per realizzare una trasformazione così infinita ci vuole una rivelazione infinita. Vuole dire che in questo Shabbat abbiamo una luce senza limiti.

Questa luce corrisponde alla luce dell’era messianica che tutto il male sarà trasformato in bene.

Anche oggi vediamo come Dio fa in modo che diversi popoli combattino fra di loro facendo in modo che israele non debba combattere. Noi ci auguriamo che le guerre siano abolite per sempre come è successo dopo il miracolo dei primogeniti è arrivata la redenzione, così anche noi presto potremo vedere la redenzione totale.

Presto arriveremo all’epoca come è scritto in Esaia: “trasformeranno le spade in falci…” .
Ci auguriamo che in questo mese di redenzione vedremo la gheula finale, presto nei nostri giorni, Amen.

Ti riporto i link delle lezioni on line su virtualyeshiva.it sulla parashà.

Un caloroso Shabbat Shalom
Rav Shlomo Bekhor

METZORA’
Al seguente link troverai la lezione sulla nostra parashà con il link a scaricare il file audio:
dal seguente link si può scaricare immediatamente senza aprire la pagina web:
http://www.virtualyeshiva.it/files/11_04_05_metzora5771low_unita_lavoro_trasforma.mp3
per vedere il video della lezione direttamente cliccare qui:
https://vimeo.com/22050420

IL CONTRASTO CHE ANNULLA LA RECESSIONE

Da un’apparente contraddizione del Maimonide possiamo trarre un insegnamento per affrontare la “carestia” del giorno d’oggi!
Al seguente link il video della lezione

——-

Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perche’ vogliamo che la Tora sia accessibile a tutti. Aiutando Virtual Yeshiva potrete diventare soci nella diffusione della Tora. Sul seguente link puoi trovare come mandare una donazione
http://www.virtualyeshiva.it/voglio-aiutare/La lezione approfondisce questi punti, attingendo da fonti midrashiche, testi di mistica ebraica e khassidici, in una cornice unica, chiara e comprensibile per tutti, alla luce degli insegnamenti dei grandi Maestri dell’ebraismo.

Per sentire altre 17 lezioni su PESAKH:
http://www.virtualyeshiva.it/2018/03/25/pessakh-5773-17-lezioni/

IN OGNI GENERAZIONE VOGLIONO STERMINARCI MA HASHEM CI SALVA DALLE LORO MANI
Hagada di Pesakh

Nel 2016 Il premier italiano Matteo Renzi, questa settimana, è stato in visita in Iran per due giorni, accompagnato dagli amministratori delle principali aziende italiane. Nel frattempo l’Iran continua ha inaugurare mostre e convegni sull’antisemitismo e negazionismo dell’olocausto e l’8 marzo del 2016 ha violato la risoluzione ONU 2231 con un test di un missile balistico. Sul missile era scritta la frase: “Israele sarà cancellato dalle mappe”. Iran che dopo la fine dell’embargo, voluto dall’amministrazione Obama, Dio non voglia, potrebbe avere la bomba atomica.
Mentre in Italia ed Europa varie associazioni della sinistra europea assieme a quelle dei movimenti islamisti o filo palestinesi, promuovono iniziative antisemite.
All’epoca era successo un fatto di riflessione.
Davide Piccardo (capo del Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano CAIM) protesta sul divieto, posto dal Ministero dell’interno, di far entrare in Italia, per una serie di conferenze, Tareq Suwaidan: leader dei Fratelli Musulmani in Kuwait, forte sostenitore dell’annientamento degli Ebrei e di Israele.
Questi tristi fatti possono essere meglio visti “alla luce” della Tora.
Il Rebbe in un suo commento alla parashà di Metzorà (Likutè Sikhòt, vol. 27) afferma: “Ogni azione del Santo, benedetto Egli sia, qui nel mondo, è per il bene.  …..” Le lesioni descritte nella parashà: la zaràat (lebbra) e gli altri negaìm possono sembrare un qualcosa del tutto negativo. Tuttavia la parola Nèga (macchia, lesione, piaga) ha le stesse lettere della parola Oneg (delizia, piacere). Secondo la Tora’ quando si vede una macchia sui muri di una casa, bisogna distruggere i muri (Vaikrà 14: 45).
Rashi racconta come i popoli che abitarono la terra d’Israele, prima dei Figli d’Israele, nascosero dei tesori d’oro nei muri delle case. Quando i Figli d’Israele vennero nella terra d’Israele essi abitarono nelle case dei goìm. Allora… D-O creò delle macchie di zaràat sui muri delle case e figli d’Israele furono costretti a distruggerli e solo così poterono trovare l’oro.
Adesso come allora le azioni dei popoli, per quanto pericolose e sbagliate possono sembrare, hanno lo scopo di permettere ai Figli d’Israele di compiere la volontà di Ha-Shem e di trasformare il nèga in oneg.

 

 

 

Da un’apparente contraddizione del Maimonide possiamo trarre un insegnamento per affrontare la “carestia” del giorno d’oggi!

Alcuni punti della lezione:

1. Un racconto del Rebbe di Lubavitch spiega che nei momenti di difficoltà economica l’impegno e lo slancio nel fare opere di bene può generare un grande aiuto da Hashem, portando anche guadagni inaspettati.

2. La Torà insegna che una persona affetta da lebbra, al termine del suo stato di impurità, deve offrire un sacrificio proporizionato alle proprie disponibilità economiche.

3. Una persona può espiare anche il peccato di qualcun altro e portare il sacrificio in sua vece. A questo riguardo il Maimonide aggiunge un dettaglio: un povero che vuole espiare il peccato di un lebbroso ricco deve portare un sacrificio di valore, mentre un ricco che espia il peccato di un lebbroso povero deve portare un sacrificio proporzionato alle sue ricchezze.Che insegnamento possiamo trarre da questa regola?

4. Quando un uomo decide di aiutare qualcuno, sacrificandosi per lui, diventa meritevole davanti ad Hashem a tal punto che la sua sorte può cambiare; da povero potrebbe diventare ricco!

Riassunto.

Da un’apparente contraddizione del Maimonide possiamo trarre un insegnamento per affrontare la “carestia” del giorno d’oggi!

Viene approfondito l’insegnamento che possiamo trarre dal sacrificio di un uomo che fa voto di espiazione per un peccato altrui. Da ciò si deduce che l’errore del singolo è paragonabile a quello di tutto il popolo ebraico; a testimonianza del profondo legame che unisce ogni ebreo ai suoi fratelli.

Il ricco, che fa il voto espiatorio per un lebbroso povero, porterà un sacrificio proporzionato ai suoi averi; il povero invece potrà espiare l’impurità di un lebbroso ricco solo per mezzo di un ricco sacrificio. Il Rebbe di Lubavitch spiega questo contrasto affermando che il povero espiando per il ricco è diventato ricco; ha infatti compiuto un gesto superiore alle proprie possibilità.

In un momento di recessione, come quello attuale, dobbiamo essere fiduciosi risvegliando la nostra fede in Hashem, nella certezza di un futuro migliore.

≈ ≈ ≈

Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perché vogliamo che la Torà sia accessibile a tutti.

Se ascolti le lezioni aiuta a mantenere viva questa grande opera di divulgazione di Torà che cresce ogni settimana con nuove lezioni (390 lezioni).

Purtroppo alcune lezioni si trovano sul vecchio sito e altre sul nuovo e non abbiamo ancora finito di fare il passaggio e di completarle delle parti mancanti. È necessario ancora tanto lavoro. Per questo facciamo appello a tutti gli utenti/alunni perché sostengano economicamente questa grande impresa.

Aiutando Virtual Yeshiva potrete diventare soci nella diffusione della Torà e così finiremo presto anche il nuovo sito, Bezrat Hashem.

sono deducibili dalla “decima”. Per saperne di più scrivimi un email.

rav Bekhor

≈ ≈ ≈

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per vedere il video, anche da cellulare, clicca qui:

Per acquistare questo video in alta risoluzione (20€) manda una email.

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scrivere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Metzorà, One of the Best, Tazria e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a METZORA HAGADOL 5779 – IL CONTRASTO CHE ANNULLA LA RECESSIONE

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM CARISSIMO RAV SHLOMO,
    bello! Siamo tt nella stessa barca, cn Emunà possiamo cambiare il budget fatto da KBH x noi a RoshHashannà facendo Aavta lereaha camoha e così il povero ke espia il peccato del ricco diventa ricco. Connettersi all’EnSof e vibrare alto ci permette di uscire dai limiti e ottenere risultati all’apparenza impossibili. SKOIAH,HAZAK BARUH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *