MIKKETZ 5772: REUVEN E I FRATELLI: PROCESSO DI COLPE?

Solo Reuvèn inizia il vero significato del pentimento che è valido solo se non è causato da un fattore esterno, bensì dal libero arbitrio, e se viene fatto in maniera convinta senza giustificazioni.

Alcuni punti della lezione:

1. Analizzando bene le parole di Reuvèn, che apparentemente scarica le colpe sui fratelli, cosa ci vuole trasmettere di più profondo?

2. Perché Reuvèn, quando si pente del aver spostato il letto di Bilhà, è il primo esempio di Teshuvà nella storia?

3. Perché solo la consapevolezza del peccato, essere amareggiati per il peccato commesso porta al perdono?

4. Il Maimonide nelle Halakhòt di Teshuvà introduce un concetto rivoluzionario, nel concetto di peccato e ralativo pentimento; il “libero arbitrio” di cui l’uomo è dotato, ovvero un uomo è libero di comportarsi male e quindi di peccare, anche il relativo pentimento quindi non deve essere provocato da un fattore esterno, bensì dalla volontà dell’uomo usando il libero arbitrio!

5. Da questo fondamentale concetto del Maimonide, possiamo meglio interpretare le parole di Reuvèn, perchè anche le eventuali conseguenze del peccato, o le punizioni, sono dei fattori esterni che possono influire in un pentimento non completo. Il vero pentimento deve nascere dal libero arbitrio umano, una scelta, una svolta nella nostra vita!

6. Per ottenere un pentimento completo, non dobbiamo aver o cercare delle giustificazioni su quanto abbiamo fatto, finché esistono delle scusanti non esiste un vero pentimento.

7. Collegamento tra libero arbitrio (MIKETZ, REUVEN E I FRATELLLI) e autosacrificio (KHANUKA).

Per effettuare il download della lezione AUDIO in MEDIA qualità (anche sul cellulare) seguire quanto indicato sotto:

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per vedere il video, anche da cellulare, clicca qui sotto:

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Questa voce è stata pubblicata in Khanukkà, Mikkez, Parashot, Senza categoria, Teshuva. Contrassegna il permalink.

Una risposta a MIKKETZ 5772: REUVEN E I FRATELLI: PROCESSO DI COLPE?

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM CARISSIMO RAV SHLOMO,sto shiur è stupendo magistrale sublime splendido.Perfetto il modo di spiegare il concetto di libero arbitrio e di teshuvà.E’ proprio così è scritto nella Torà:possiamo scegliere tra Bene e Male siamo liberi di farlo e pentirsi dopo l’errore è spesso pentimento incompleto xkè consequenziale.Reuven vuol quindi dire ai fratelli:”quando eravate ancora in grado di scegliere vi consigliai la giusta strada ma nn mi avete dato retta ora vi pentite dopo aver constatato le conseguenze del vostro gesto e quindi potrebbe essere un pentimento incompleto”.Abbiamo una enorme responsabilità su come gestire le nostre Vite,se sceglieremo il Bene avremo in più l’aiuto di HAS-M!SHABBAT SHALOM e HANUCCA’SAMMEAH,SKOIAH e HAZAK BARUH.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *