4 lezioni precedenti su NITZAVIM-VAYELEKH

Le parashot di questa settimana sono Nitzavim e Vayelekh (Deuteronomio 29,9-31,30). Alcuni temi trattati:

Nitzavim include alcuni principi fondamentali della fede ebraica:

1) L’unità di Israele

2) La redenzione futura: Moshè mette in guardia circa l’esilio e la desolazione della terra di Israel che avverranno se il popolo ebraico abbandonerà le leggi di Ha-Shem, poi profetizza che, alla fine, “Si tornerà alla Sign-re, tuo D-o. . . ”

3) La pragmaticità della Torah: “…le mitzvot che io oggi vi comando, non sono al di là di voi, né lontane da voi. Non sono nel cielo. . . Non sono sul mare. . . Piuttosto (la Torà), è molto vicino a voi, in bocca, nel vostro cuore…”

4) La libertà di scelta: “Io vi ho posto davanti la vita e la bontà, e la morte e il male: nel senso che io oggi vi comando di amare D-o, camminare nelle sue vie e osservare i suoi comandamenti. . . Vita e morte io vi ho posto davanti a voi la benedizione e la maledizione”

Vayelekh narra le vicende della ultimo giorno di Moshè nella vita terrena. “Ho raggiunto l’età di 120 anni oggi”, dice al popolo “, e non posso più andare avanti ed entrare in Eretz Israel”. Egli trasferisce la leadership a Jeoshuà, e scrive (o si conclude la scrittura), la Torah in una pergamena che affida ai Leviti in custodia in Arca dell’Alleanza.

Vayelech si conclude con la previsione che il popolo di Israele si allontanerà dalla loro alleanza con Ha-Shem, costringendolo a nascondere la sua faccia, ma anche con la promessa che le parole della Torah “non devono essere dimenticati dalle bocche dei loro discendenti. ”

Sono online 4 lezioni precedenti sulle parahot di Nitzavim+Vayelekh. Clicca nei due link per poterle scaricare ed ascoltarle:

http://www.virtualyeshiva.it/category/parashot/devarim/nitzavim

http://www.virtualyeshiva.it/category/parashot/devarim/vayelekh/

Non perdetevi la lezione live di Torà di martedì sera, ore 22.00 circa.

Shalom uvrahà

Rav Shlomo Bekhor

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *