Talmud Taanit pag 5a/5b – undicesima lezione

LA GRAVITÀ DELL’AVODÀ ZARÀ, IN PARTICOLARE QUANDO VIENE COMMESSA DA ISRAEL; IL PIANO DIVINO CHE DALLA MORTE PREMATURA DI SAMUEL GIUNGE AL REGNO DI DAVID

Riassunto.

La ghemarà introduce il concetto della gravità dell’idolatria, che porta al bruciare i peccatori all’inferno (gheinnom).

Rabbi Yochanan conferma che l’idolatria vale due peccati, in quanto ha due aspetti negativi. Di 24 peccati commessi da Am Israel solo due di essi non sono stati dimenticati da D-o. Abbandonare la vera fede, sostituendo “l’acqua viva con acqua sporca”, con una fede non paragonabile, comporta un peccato talmente grave da valerne due. Due sono infatti le negatività: l’abbandono di Hashem e la sostituzione con una fede non paragonabile.

Inizia un quinto concetto: Qual è il significato della frase “E fu quando Samuel invecchiò?”. Ma Samuel visse fino a 52 anni, infatti come si spiega tale frase che sembra alludere ad un’anzianità non esistente in realtà? Samuel era invecchiato di colpo prematuramente. Perché? Samuel si era pentito di aver nominato re Saul. Infatti Saul, dopo la guerra contro Amalek, aveva commesso una grave colpa, disobbedendo alla parola di Hashem, non avendo annientato il nemico peggiore di Israel. Così facendo perse successivamente il trono che passò a David. Il piano divino che portò al regno di David.

≈ ≈ ≈

Per effettuare il download della lezione in alta qualità anche sul cellulare segui quanto indicato sotto:
Download lezione (se non funziona cliccare col tasto destro – salva con nome…)

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per vedere il video, anche da cellulare, clicca qui sotto:

Per acquistare questo video in alta risoluzione (20€) manda una email.

Download in BASSA qualità anche sul cellulare segui quanto indicato sotto:
Download lezione (se non funziona cliccare col tasto destro – salva con nome…)

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scrivere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Ta'anit - pag5a, Taanit - pag5b e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Talmud Taanit pag 5a/5b – undicesima lezione

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM CARISSIMO RAV SHLOMO,
    molto interessante il significato della frase “E fu quando Samuel invecchiò?”. Mentre Samuel visse fino a 52 anni alludente ad un’anzianità non esistente in realtà xkè Samuel era invecchiato di colpo prematuramente.Si capisce ke c’è 1 piano divino x nn far soffrire Samuel x la perdita del trono di Shaul. Samuel verrà poi reincarnato.Interessante anke il fatto ke gli amaleciti erano stregoni e si erano così trasformati in animali da qui l’erroredi Shaul di nn aver eliminato anke le bestie.SKOIAH,HAZAK BARUH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *