BEHA’ALOTEKHA 5770 – POTERE ED INFLUENZA

Perché Moshè risponde in maniera così delicata alla “competizione” di Eldad e Medad, e invece con tanta aggressività alla “competizione” di Korakh?

Alcuni Punti della Lezione:

1. Perché alcuni genitori e maestri non riescono a influenzare le scelte dei loro figli e alunnni?

2. Come si può sviluppare la capacità di essere autorevoli senza essere autoritari?

3. È meglio comunicare usando il potere o la forza di convinzione? Cosa sceglieresti? Che limite o danno potrebbe causare l’uso del potere?

4. Il re ha il potere mentre il profeta ha la forza di influenzare. Moshè ha entrambe le caratteristiche che trasmette a Yehoshua.

5. Come si riesce ad aumentare la propria influenza positiva?

Riassunto.

La differenza tra potere ed influenza. Perché Moshè risponde in maniera così delicata alla “competizione” di Eldad e Medad, e invece con tanta aggressività alla “competizione” di Korakh?

≈ ≈

Per effettuare il download della lezione AUDIO in ALTA qualità (anche sul cellulare) seguire quanto indicato sotto:
Download lezione (se non funziona cliccare col tasto destro – salva con nome…)

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scrivere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

 

Questa voce è stata pubblicata in Behalotekha, One of the Best, Psicologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a BEHA’ALOTEKHA 5770 – POTERE ED INFLUENZA

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM CARISSIMO RAV SHLOMO,
    ho dovuto ascoltare 2 volte questo shiur tanto è bello e contemporaneamente profondo, bellissima la metafora della candela ke accende un’altra candela x spiegare l’influenza; e del recipiente ke si svuota a favore di un altro x spiegare il passaggio di consegne da un Re ad un altro Re. Quindi si capisce xkè Moshè nn si arrabbia quando Eldad e Medad profetizzano e anzi il suo auspicio è ke possano farlo tt così come una candela accende le altre senza perdere nulla. Allo stesso modo Moshè passerà poi il suo Ruah a Joshua Bin Nun senza perderlo. Si capisce ke il potere utilizzato in modo dispotico alla lunga nn si mantiene anzi si sbriciola e sparisce, mentre se usato in modo morale e comunicativo nonkè costruttivo si mantiene ed anzi può prolificare. Sottile la differenza tra potere ed influenza, trovare il giusto equilibrio come ha fatto Moshè caratterizza il vero Leader stimato ed apprezzato ke “accende” ed “illumina” il suo popolo come un insegnante di Luce:Oraaa=Orim=Genitori=TORA’,infatti la TORA’ si è mantenuta e si mantiene da quasi 3000 anni così come la Luce del Candelabro ke deve accendere le 7 SEFIROT e mantenerle accese TAMID x SEMPRE.YAAKOV NS PADRE è SEMPRE VIVO: AM ISRAEL HAI. SKOIAH,HAZAK BARUH

  2. Davide Sartori scrive:

    Grazie Rav Shlomo.
    Mi piacerebbe dire che il potere e l’influenza sono da tenere sempre ben distinti, perché chi usa il potere per influenzare sta già calpestando il confine che divide il bene delle persone dalla loro strumentalizzazione. Il che è principalmente importante nel caso dei genitori, che sono sempre in bilico tra il fare il bene dei loro figli (influenzare) e lo strumentalizzarli (trasmettere potere). Mi piacerebbe dire che si deve usare l’influenza per acquisire il potere, che deve essere ricercato solamente come concambio dell’influenza data, ricevuto e riconosciuto solamente dai destinatari di quell’influenza, mentre mai si dovrebbe usare il potere per acquisire l’influenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *