VAERA 5770 – IL BASTONE E IL SERPENTE

Psicologia nella Torà

La prima prova data da D-o a Moshè: la trasformazione del bastone, ci insegna come affrontare e risolvere le paure della vita! Due meravigliosi commenti sul valore del bastone che diventa serpente e ritorna bastone nella redenzione!

Alcuni punti della lezione:

1. D-o enfatizza tanto, come segno della redenzione, la duplice trasformazione del bastone in serpente e poi nuovamente in bastone. Perché?

2. Quali paure hai nella vita che non riesci a superare? Quali potrebbero essere le medicine?

3. Il serpente ritorna a essere bastone solo quando Moshè lo prende in mano. Perché?

4. Perché il faraone viene paragonato al serpente?

5. Di fronte al fatto che Moshè pensa che il faraone sia un problema, cosa suggerisce D-o?

6. Prendere coscienza del problema è già un primo passo per superarlo. Come si pone il rapporto con gli altri in questo percorso? A che cosa occorre stare attenti?

7. Qual è la differenza tra il serpente e il bastone secondo la Chassidut?

Riassunto
La felicità non viene dagli eventi o dagli oggetti, ma da noi direttamente.
L’insegnamento che D-o concede a Moshè, per superare il problema del faraone. Solo nel momento in cui Moshè prende coscienza della natura del problema, il serpente torna bastone. I commenti dell’Alshich e dell’Alter Rebbe sul significato profondo sulla trasformazione del bastone.

Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perché vogliamo che la Torà sia accessibile a tutti.
Se ascolti le lezioni aiuta a mantenere viva questa grande opera di divulgazione di Torà che cresce ogni settimana con nuove lezioni (370 lezioni).
Purtroppo alcune lezioni si trovano sul vecchio sito e altre sul nuovo e non abbiamo ancora finito di fare il passaggio e di completarle delle parti mancanti. È necessario ancora tanto lavoro. Per questo facciamo appello a tutti gli utenti/alunni perché sostengano economicamente questa grande impresa.
Aiutando Virtual Yeshiva potrete diventare soci nella diffusione della Torà e così finiremo presto anche il nuovo sito, Bezrat Hashem.

sono deducibili dalla “decima”. Per saperne di più scrivimi un email.

rav Bekhor

Per effettuare il download della lezione AUDIO in ALTA qualità (anche sul cellulare) seguire quanto indicato sotto:

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.
Tutti sono invitati a scirvere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Chassidut, Israele/Esilio, Psicologia, Vaerà e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a VAERA 5770 – IL BASTONE E IL SERPENTE

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM CARISSIMO RAV SHLOMO,splendido Shiur sulla psicologia della paura, bella la metafora del serpente tortuoso ke rappresenta la tortuosità e falsità del male ke possiamo sconfiggere affrontandolo e lui svanisce come il fiume ke impediva ad Avraham ed Itzhak di andare al monte Morià. Il bastone è yashar diritto quindi Vero e bisogna aver paura di aver paura. Però nn è facile in certe circostanze della Vita come si fa a nn aver paura? Certo si può cn immensa Emunà ma è difficile. Così come Caino era la Klippà di Abele ed infatti KBH gli kiede conto e lui risponde di “nn essere il custode di suo fratello” così il serpente è la Klippà del bastone ed il mondo attuale FALSO è la Klippà della SHEHINA’ ke c’è ma nn la vediamo ancora fino a quando arriverà MASHIAH BIMERA’BEIAMENU BEKAROV. SKOIAH,HAZAK BARUH.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *