PESSAKH 5768 – ESILIO UNITO ALLA REDENZIONE

Pesakh: perché la stessa matzà, che ricorda il pane dei poveri, diventa invece la matzà della redenzione?

 Alcuni punti della lezione:

1. Perché nella tavola del seder le matzot sono poste sotto i cibi e non sopra? 

2. Sappiamo che nella quarta fase del seder si divide la matzà centrale in due. La parte piccola si tiene per hamozì e la mizvà di mangiare la matzà, che ricorda ilpane dei poveri. La seconda ricorda l’Hafikoman ovvero il korbàn Pessach e il santuario, la redenzione e la prosperità. Per cui la stessa matzà rappresenta due cose opposte.

3. Un racconto riporta che il Baal Shem tov si firmava con “akop” che sembra alludere al nome di una città! Ma il Besht veniva da  un altro luogo. Perché firmava da Akop, che vuole dire trincea ovvero Israel dalla trincea? La verità è che i suoi genitori, quando di notte faceva freddo, andavano nella trincea a proteggersi e per tae ragione firmava Besht dalla trincea.

4. Un altro racconto riporta che quando il Besht chiede a Moshiach quando verrà, Egli risponde dicendo “quando i tuoi insegnamenti saranno sparsi dapertutto”. Ovvero l’era di grande ricchezza e prosperità deriverà dal Besht. In apparenza sono in contrasto le due storie: da una parte una persona così povera nata nella trincea, come lui può portare la redenzione, che è il simbolo della ricchezza. Qual è la spiegazione? Qual è il parallelismo con il tema dell’esilio?

Riassunto.

Pesakh: perché la stessa matzà, che ricorda il pane dei poveri, diventa invece la matzà della redenzione?

“Min hamezar karati… anani bamerchav” (salmo 118), “solo passando un periodo di difficoltà si può arrivare alla grandezza”; solo il Besht che è nato in trincea può infatti portare la redenzione.

La redenzione nasce solo dall’esilio: solo dopo le sofferenze dell’esilio si può arrivare alla redenzione.
Il fiume scopre la sua forza solo quando gli si mette un ostacolo. Così anche Israel scopre la sua forza e desiderio della redenzione solo quando è in esilio. In altre parole solo la sofferenza dell’esilio può svegliare il desiderio della redenzione.

Per tale ragione la stessa matzà ricorda l’esilio, mentre l’altra metò ricorda la redenzione.

≈ ≈ ≈

Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perché vogliamo che la Torà sia accessibile a tutti.

Se ascolti le lezioni aiuta a mantenere viva questa grande opera di divulgazione di Torà che cresce ogni settimana con nuove lezioni (390 lezioni).

Purtroppo alcune lezioni si trovano sul vecchio sito e altre sul nuovo e non abbiamo ancora finito di fare il passaggio e di completarle delle parti mancanti. È necessario ancora tanto lavoro. Per questo facciamo appello a tutti gli utenti/alunni perché sostengano economicamente questa grande impresa.

Aiutando Virtual Yeshiva potrete diventare soci nella diffusione della Torà e così finiremo presto anche il nuovo sito, Bezrat Hashem.

sono deducibili dalla “decima”. Per saperne di più scrivimi un email.

rav Bekhor

 ≈ ≈ ≈

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scrivere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Pessakh e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *