TAZRIA 5768 – MALDICENZA: TRASFORMAZIONE IN MALE!

Perchè la maldicenza è così negativa?

Alcuni punti della lezione:

1. Il Talmud riporta che colui che dice lashon harà (maldicenza) è degno di ricevere i negaim (con vari tipi di malattie che colpiscono la casa, gli abiti e le persone). Per purificarsi occorrono due piccioni. Perché?

2. Colui che fa maldicenza, fa uscire del male da sè stesso. Qual è la relazione con la lebbra?

3. Per due cose che si chiamano “Reshit”, Hashem ha creato il mondo. Quali sono i due Reshit?

4. Che cosa accade nelle sfere superiori quando si fa maldicenza?

5. In ebraico la parola “oneg” significa piacere. Lo stesso piacere che ha Hashem verso l’uomo quando si comporta bene ed ha rapporti positivi con il prossimo. Nel fare lashon harà si trasforma “oneg” in “nega”. Due parole molto diverse che hanno le stesse lettere. Perché?

6. Qual è la causa che porta l’uomo a fare maldicenza? Una falsa soluzione ai problemi interiori.

7. La storia del rebbe Rashab, che era più giovane di suo fratello Razà ma più alto. Un giorno il fratello maggiore mise il minore nel pozzo. Il padre, il rebbe Maharash chiese al Razà come mai si fosse comportato così. Egli rispose: “Io sono più grande ma sono più basso. La verità è che se sono più grande mi spetta di essere più alto. Adesso la verità è stata fatta,  avendo messo il fratello nel pozzo cosi posso essere più alto, come dovrebbe essere giusto.” L’insegnamento di questa storia ci chiarisce il significato della lashon harà. 

Riassunto.

Perchè la maldicenza è così negativa?

La lezione approfondisce il concetto di lashon harà (maldicenza) illustrando i significati profondi e le conseguenze di questo atto negativo. La parola “oneg” (maldicenza) ha le stesse consonanti di “nega” (la malattia che colpische colui che fa maldicenza).

Tramite la maldicenza si sottrae la gioia di Hashem verso i propri figli. La conseguente punizione sarà mirata a sottrarre la gioia al peccatore.

La maldicenza è l’espressione di un problema interiore, che si vuole nascondere e sostituire attribuendolo agli altri. Di fronte a “rotture” interiori, la persona compie lashon harà distruggendo ciò che lo circonda.

Per alzare sè stessi non bisogna abbassare gli altri, come ci viene raccontata la storia del rebbe Rashab e suo fratello.

≈ ≈ ≈

Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perché vogliamo che la Torà sia accessibile a tutti.

Se ascolti le lezioni aiuta a mantenere viva questa grande opera di divulgazione di Torà che cresce ogni settimana con nuove lezioni (390 lezioni).

Purtroppo alcune lezioni si trovano sul vecchio sito e altre sul nuovo e non abbiamo ancora finito di fare il passaggio e di completarle delle parti mancanti. È necessario ancora tanto lavoro. Per questo facciamo appello a tutti gli utenti/alunni perché sostengano economicamente questa grande impresa.

Aiutando Virtual Yeshiva potrete diventare soci nella diffusione della Torà e così finiremo presto anche il nuovo sito, Bezrat Hashem.

sono deducibili dalla “decima”. Per saperne di più scrivimi un email.

rav Bekhor

 ≈ ≈ ≈

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scrivere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Metzorà, Tazria e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a TAZRIA 5768 – MALDICENZA: TRASFORMAZIONE IN MALE!

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM CARISSIMO RAV SHLOMO,
    lezione meravigliosa! Si è proprio così, la maggior parte delle persone critica il prossimo x abbassarlo e nn tenta invece di alzare se stessa. Giusto ciò ke dici sull’unicità di ognuno di noi e della componente divina delle ns anime ke dobbiamo solo realizzare x far loro irradiare Luce su tt.Luce di KBH. E quindi ki fa shon ha ra trasforma l’ONEG in NEGA, il piacere in negatività (interessante l’osservazione ke fai di notare l’origine della parola NEGAtività). Bello anke l’esempio dei genitori ke ascoltano l’insegnante parlare male del figlio e anke se ciò ke viene detto è vero ne soffrono così come KBH soffre a sentir parlare male dei Suoi figli Am ISRAEL. Così come ci comportiamo cn KBH, così Lui si comporta cn noi, come dice il Rebbe: Se vuoi ammonire qualcuno, fallo a te stesso. Tieni il sorriso per un’altra persona. Sii forte, ma cn te stesso,e sii dolce cn gli altri. Questo li avvicinerà ancora di più alle vie della Torà. SKOIAH,HAZAK BARUH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *