PEKUDE 5768 – PERCHÉ L’ESILIO DURA COSI TANTO?

Moshe dettaglia tutti i quantitativi dei materiali per la costruzione del Mishkàn e il loro utilizzo, ma non dice dei 1775 shekalim che mancano al conteggio.


Alcuni punti della lezione:

1. Ogni evento che accade nel mondo avviene nel momento che Hashem ha previsto. Qual è la relazione tra gli eventi e gli attributi divini? L’esempio della Creazione.

2. Ogni evento non è casuale, ma legato al periodo/milennio in cui si trova. I sette millenni del mondo, secondo lo Zohar.

3. Qual è l’associazione tra i 1775 shekalim dimenticati e l’esilio? L’insegnamento di un marmar dell’Alter Rebbe. 

4. Gli eventi non sono casuali: il significato cabbalistico di ogni millennio.

Riassunto.

Moshe dettaglia tutti i quantitativi dei materiali per la costruzione del Mishkàn e il loro utilizzo, ma non dice dei 1775 shekalim che mancano al conteggio.

Gli eventi non sono casuali: il significato cabbalistico di ogni millennio.

Viene approfondito la spiegazione secondo la quale ogni milennio corrisponde a uno dei 7 attributi divini.
– Il primo milennio: bonta-khesed – la vita era lunga.
– Il secondo milennio: rigore-ghevurà –  l’accorciamento della vita delle persone e il diluvio universale esprimono il rigore Divino.
– Il terzo milennio: compassione-tiferet – l’esodo dall’Egitto, il dono della Torà nell’anno 2448  rappresentano la clemenza.
– Il quarto milennio: vittoria-netzakh – Israel si trova nel massimo della gloria infatti vengono costruiti il primo e il secondo santuario.
– Il quinto milennio: sottomisione-hod – rigore, la distruzione del santuario, hod= testardaggine, inizia l’esilio, bisogna rivelare la profonda unione ad Hashem con caparbietà.
– Il sesto milennio: unione-yissod –  intimità, il parallelismo con il legame tra due coniugi, la preparazione per lo Shabbàt del 7° milennio, come il venerdì anticipa lo Shabbàt. 
– Il settimo milennio: ultimo attributo, il malkhut-regno – corrisponde alla rivelazione del regno Divino sulla terra con l’avvento messianico.

≈ ≈ ≈

Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perché vogliamo che la Torà sia accessibile a tutti.

Se ascolti le lezioni aiuta a mantenere viva questa grande opera di divulgazione di Torà che cresce ogni settimana con nuove lezioni (390 lezioni).

Purtroppo alcune lezioni si trovano sul vecchio sito e altre sul nuovo e non abbiamo ancora finito di fare il passaggio e di completarle delle parti mancanti. È necessario ancora tanto lavoro. Per questo facciamo appello a tutti gli utenti/alunni perché sostengano economicamente questa grande impresa.

Aiutando Virtual Yeshiva potrete diventare soci nella diffusione della Torà e così finiremo presto anche il nuovo sito, Bezrat Hashem.

sono deducibili dalla “decima”. Per saperne di più scrivimi un email.

rav Bekhor

 ≈ ≈ ≈

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scirvere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Chassidut, Pekudé e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a PEKUDE 5768 – PERCHÉ L’ESILIO DURA COSI TANTO?

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM UVRAHA’ CARISSIMO RAV SHLOMO, SPAZIALE! FANTASTICO! SUBLIME! MERAVIGLIOSO!!! L’accostamento dei millenni visto dallo Zohar cn le 7 SEFIROTdell’EzHaiim nonkè l’analisi del mancato conteggio dei 1775 shekalim e la spiegazione della trasparenza di Moshe Rabbenu. Questo SHIUR è una rivelazione di simanim della GHEULA’ prossima BIMERA’ BEIAMENU,AMEN, SKOIAH, HAZAK BARUH!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *