KHAYA 5769 – KHAYA E YEKHIDA: VOLERE E PIACERE – I parte

La prima puntata sul livello dell’anima di Khayà (secondo dall’alto), parte del ciclo di lezioni sui 5 livelli dell’anima.

Partiamo dall’Infinito: i Primi Due Livelli dell’Anima!

Le tappe del viaggio:

1. In questa lezione saranno introdotti i 5 livelli dell’anima: specchio della creazione, motore del mondo, radice di ogni essere umano.

2. La trattazione verterà su una descrizione particolareggiata dei cinque livelli dell?anima concludendosi con l’approfondimento di khayà, secondo livello dall’alto, di cui si completerà l’analisi, per quanto possibile, nella prossime lezioni.

3. Si spiegherà il significato delle volontà radicate in ciascun essere: perché ci sono e cosa rappresentano.

4. Un breve intermezzo di parole spiegherà il motivo del perché Shavuot duri un solo giorno e del perché invece, le altre due “feste allegre”, Pesakh e Sukkot durino di più.

La meta:

L’intelletto è per sua natura superiore al sentimento quindi l’essere umano ha la capacità di dominare naturalmente i sentimenti proprio in ragione di questa superiorità. Non è un’impresa semplice ma possibile!

Breve descrizione:

Hashem ha creato l’anima che è una parte di se stesso, qualcosa quindi di divino e l’ha suddivisa in cinque livelli: néfesh, rùakh, neshamà, khayà, yekhidà.
Il livello più basso dell’anima è il livello di nefesh da cui derivano le energie di tutte le azioni fisiche: scrivere, parlare ecc.
Il secondo livello dal basso è quello di rùakh da cui viene fuori l’energia che genera i sentimenti: bontà, rigore, clemenza ecc.
Il terzo livello dell’anima è neshamà con cui si acquisisce la forza di riflettere, di usare l’intelletto. E’ importante porre l’accento sul fatto che il sentimento e l’intelletto appartengono a due distinti livelli dell’anima e che quest’ultimo è per sua natura, superiore al sentimento.
Continuando ancora lungo i sentieri dell’anima approdiamo ai suoi due ultimi livelli, sempre partendo dal basso, che sono: khayà e yekhidà. Il livello di khayà corrisponde al volere dell’anima, mentre il livello di yekhidà rappresenta l’apice e l’essenza dell’anima e corrisponde al piacere.

Questa breve trattazione illustrandoci i diversi livelli dell?anima ci permette di tracciare il seguente percorso: dall’alto verso il basso accade che una persona prima provi un piacere molto profondo per qualcosa, poi da ciò svilupperà il desiderio, la voglia di ottenere quel qualcosa e in seguito si creeranno delle ragioni logiche che tenderanno a giustificare quanto desiderato. A questo punto dalla logica nascerà il sentimento, un legame emotivo e caloroso e da esso l’azione vera e propria che non sarà altro che la concretizzazione del piacere iniziale. Quanto appena detto rappresenta il naturale sviluppo dell’anima.

Abbiamo già accennato precedentemente al secondo livello dall’alto dell’anima: khayà. Da questo momento in poi si cercherà di analizzarlo in maniera più approfondita. Il concetto di khayà non è qualcosa che nasce da un sentimento o da un intelletto altrimenti ne deriverebbe un volere limitato e non illimitato com’è invece caratteristico del volere che nasce dal livello di khayà. Perciò la vera volontà dell’anima, dunque, trascende la logica e condiziona l’intelletto, ma non è da esso condizionabile, né divisibile, né tanto meno può essere una somma di vantaggi. Un’altra cosa importante su cui riflettere è data dalle diverse volontà radicate in ciascun essere, com’è giustificabile la loro presenza? Com’è possibile che ciascun individuo possieda (o dovrebbe possedere salvo eccezioni che confermano la regola), ben radicata, la volontà di sposarsi o di possedere una casa? Semplice! Tali volontà non sono altro che il modo di Hashem di mandare avanti il mondo. Possiamo perciò capire alla luce di quanto detto perché Hashem abbia voluto radicare in noi tutto ciò e vale a dire: perché altrimenti il mondo non potrebbe andare avanti

≈ ≈

Per effettuare il download della lezione AUDIO in ALTA qualità (anche sul cellulare) seguire quanto indicato sotto:
Download lezione (se non funziona cliccare col tasto destro – salva con nome…)

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

 

!

 

Questa voce è stata pubblicata in Chassidut, Da Revisionare, Filosofia, Khaya - Yekhida: livelli anima, Shavuot. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *