VAYIKRA 5767 – IL FUOCO SULL’ALTARE ANCHE OGGI!

Il valore e il significato spirituale dei sacrifici, attraverso le diverse regole che ne normano la corretta attuazione.

Alcuni punti della lezione:

1. Avimèlekh e Bilam vengono vistati da Hashem, mentre Moshè viene chiamato da Hashem. Perché questa differenza?

2. La figlia di Yitrò va in sposa a Moshè. Qual è il legame in tutto ciò con il concetto della restituzione di un oggetto rubato? Quale insegnamento apprendiamo?

3. Il profeta Samuele aveva incaricato il Re Saùl di uccidere tutti i malvagi amalekiti senza risparmiare nessuno, ma di fronte ad animali molti grassi e belli, aveva deciso di risparmiarli per offrirli in sacrificio ad Hashem. Qual è il grave errore che compie Re Saùl? Cosa gli dice Samuele? Che cosa ci insegna sul valore dei sacrifici?

4. Il valore dei sacrifici. Che significato hanno oggi questi sacrifici? Quando verrà Moshiach e costruirà il santuario dovranno essere ripresi i sacrifici? Che cosa sono i sacrifici? Qual è il loro valore spirituale?

5. Che cosa rappresenta l’animale sacrificato nel korbàn? Il sacrificio senza sentimento di pentimento non ha valore. La parola ebraica “korban” significa “avvicinamento”.

6. Le diverse fasi del sacrificio e il loro significato allusivo.

7. Nella Meghillà di Ester si riporta che Mordekhài evitò di presentarsi al banchetto del re, di cui era un ministro, preferendo restare nel tempio per Yom Kippur, dando inizio alla salvezza per Israèl, annullando il decreto del re che prevedeva lo sterminio degli ebrei.

8. C’è un verso all’inizio della Meghillà che cita: “c’è un ebreo nella città di Sushàn”. Come poteva esserci un solo ebreo? A che cosa si riferisce in realtà?

Riassunto.

Il valore spirituale del sacrificio, attraverso le diverse regole che ne normano la corretta attuazione.

Avimèlekh e Bilàm vennero visitati da Hashem in quanto essendo malvagi non si meritavano di entrare nella dimora di D-o, cosa che invece Moshè, che venne chiamato, poteva entrare.

L’errore di Saùl nel risparmiare gli animali degli Amalekhiti comporta la perdita del trono, in relazione al profondo significato del sacrificio e nell’aver usato la logica. Una persona deve fare attenzione ad avere un rapporto non solo logico con Hashem, ma seguire la sua volontà a volte in modo irrazionale.

Alcune accenni al valore della Meghillà di Ester e ai suoi insegnamenti: la scelta di Mordekhài per la salvezza di Israèl, chi salva una vita, salva il mondo intero!

≈ ≈ ≈

Virtual Yeshiva non ha nessun finanziatore pubblico.
Virtual Yeshiva non fa pagare nessuna iscrizione al sito perché vogliamo che la Torà sia accessibile a tutti.

Se ascolti le lezioni aiuta a mantenere viva questa grande opera di divulgazione di Torà che cresce ogni settimana con nuove lezioni (390 lezioni).

Purtroppo alcune lezioni si trovano sul vecchio sito e altre sul nuovo e non abbiamo ancora finito di fare il passaggio e di completarle delle parti mancanti. È necessario ancora tanto lavoro. Per questo facciamo appello a tutti gli utenti/alunni perché sostengano economicamente questa grande impresa.

Aiutando Virtual Yeshiva potrete diventare soci nella diffusione della Torà e così finiremo presto anche il nuovo sito, Bezrat Hashem.

sono deducibili dalla “decima”. Per saperne di più scrivimi un email.

rav Bekhor

 ≈ ≈ ≈

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scirvere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Purim, Vayikra e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *