TERUMA 5766 – TZEDAKKA: QUALITÀ E NON QUANTITÀ

 Come imparare a valorizzare la tzedakkà!

Alcuni punti della lezione:

1. Nel Santuario i ricchi e i poveri dovevano essere uguali e dare tutti la stessa offerta di mezzo shèkel. Che cosa ci insegna?

2. Il Libro dei Salmi dice: “Le bontà compiute da una persona camminano davanti a lui”. Perché? Qual è il grande valore della Tzedakkà?

3. Alla richiesta di tzedakkà da parte di Moshè per il Santuario, alcune persone diedero oro, altre argento e altre ancora rame. Questi tre materiali quali categorie di persone rappresentano? Qual è il significato profondo?  

4. Il valore della Tzedakkà non è legato alla quantità, ma alla qualità. Quali sono gli altri due parametri per valutare e valorizzare una tzedakkà?

5. Il Tabernacolo era alto 5 metri. Rashi chiede dove si potevano trovare nel deserto delle assi di legno di tale altezza. Qual è la risposta del Midrash Tankumà? Qual l’insegnamento profondo, legato alla lungimiranza di Yaakòv?

6. Rashi nei suoi commenti in genere non cita i midrashim nello specifico. In questo caso invece cita esplicitamente il midrash Tankumà. Perché?

7. Il valore della decima: come deve essere calcolata? a chi deve essere data? Dettagli e significato di questo obbligo.

8. Moshè non capiva come elementi materiali creati dall’uomo potessero rivelare il divino, in particolare la Menorà. Qual è la risposta di Hashem? Qual è il significato profondo del dubbio di Moshè?

Riassunto

Come imparare a valorizzare la Tzedakkà!

I parametri della tzedakkà: dare, togliendo a sè stessi; dare di nascosto, senza lodi.

Il valore della decima: dettagli e significato. 

Il dubbio di Moshè legato alla contraddizione di conciliare la spiritualità con la costruzione di oggetti materiali per rivelare il divino. Una persona può pensare che solo quando è nel tempio è vicino ad Hashem, ma l’insegnamento che deriva dal dubbio di Moshè è proprio che nella materia occorre portare il divino!

≈ ≈ ≈

Per effettuare il download della lezione AUDIO in media qualità (anche sul cellulare) seguire quanto indicato sotto:
Download lezione (se non funziona cliccare col tasto destro – salva con nome…)

Per poter ascoltare la lezione, anche dal cellulare, attiva il pulsante di ascolto riportato sotto:
[audio:http://www.virtualyeshiva.it/files/06_03_02_teruma5766_menoradalcielo_offertecolcuore_oroargentorame.mp3|titles=TERUMA 5766 – TZEDAKKA: QUALITÀ E NON QUANTITÀ]

in memoria di mio nonno Shlomo ben Hana Bekhor

Chi volesse dedicare una lezione mp3 alla memoria o in onore di un lieto evento, può contattarmi shlomo@mamash.it

Rav Shlomo Bekhor

Qui sotto si trova una nuova sezione di commenti.

Tutti sono invitati a scirvere e partecipare e rendere attive queste lezioni.

Questa voce è stata pubblicata in Teruma e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a TERUMA 5766 – TZEDAKKA: QUALITÀ E NON QUANTITÀ

  1. Rottas scrive:

    B’H’ SHALOM CARISSIMO RAV SHLOMO,
    certo! È la qualità della Zedakà ke conta! Nel tempio di Jerusahalaim c’era una specie di “cabina” dove c’era una scatola x mettere la Zedakà, ki entrava nn visto dagli altri metteva oppure prendeva se aveva bisogno. In sto modo nn veniva umiliato se era bisognoso e se invece dava lo faceva in forma anonima senza averne vantaggio come fama ke è il modo corretto di agire. SKOIAH,HAZAK BARUH.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *